News

6 motivi per scegliere una masseria

6 ottimi motivi per trascorrere le vacanze in un’antica masseria in Puglia, oggi resort di charme

Uliveti d’argento a perdita d’occhio, foglie di vite verdi dolcemente abbarbicate sui filari e distese di frumento accarezzate dalla brezza che profuma di salmastro. Lungo il tragitto il bagliore dei coni dei trulli si avvicenda ai muretti a secco ed alle pale dei fichi d’india, con i loro coloratissimi frutti, che spesso, insieme ad altre primizie, sono venduti dai contadini nei cesti intrecciati a mano dalle loro mogli.

Vieni a mangiare in Puglia

Come and eat in Puglia

The fig fruit, the caciocavallo, the capocollo, the hanging tomato and orecchiette

Polignano a Mare

Da Monopoli a Polignano a Mare

Le due imperdibili mete della Costa dei Trulli.

La Costa dei Trulli è una splendida zona della Puglia, conosciuta per l'incanto delle spiagge e del mare cristallino, per l'autenticità della campagna ricca di ulivi, trulli e masserie, per la ricchezza del patrimonio artistico e culturale e, infine, ma non meno importante, per una radicata tradizione enogastronomica.

Polignano a Mare

From Monopoli to Polignano a Mare

The two must-see on Coast of Trulli

The Coast of Trulli is a charming area of Apulia, known for its white beaches and its clear sea, for the authenticity of the countryside covered by olive orchards, for Trulli and “masserie” (traditional Apulian farms), for its rich cultural heritage and for the exceptional food and wine production.

La Puglia dei due mari

La Puglia dei due mari

torre guaceto

Grazie ai suoi 800 km di incantevole costa, la Puglia è la meta più ambita da chi ama il mare in tutte le sue sfaccettature, in grado di sorprendere con i suoi innumerevoli scenari, tra distese di sabbia bianca e scogliere a picco nell’acqua.

Immaginando di fare un tour completo di tutta la costa, da Nord a Sud della regione, la prima tappa d’obbligo è il Gargano. Il litorale garganico va da Rodi a Mattinata, arrivando a contare circa 140 km di fascia costiera tra ampie spiagge e alte scogliere calcaree a strapiombo nel mare.

Tra le baie più belle della zona, degne di nota sono la Baia di Manaccorra tra Peschici e Vieste, luogo perfetto per gli amanti della vela e del windsurf in quanto battutissimo dai venti. Assolutamente imperdibile è la Baia delle Zagare, un chilometro di distesa sabbiosa, nel tratto tra Pugnochiuso e Mattinata, dove due faraglioni di falesia (l’arco di Diomede e la Finestrella dei sogni) si ergono imponenti dalle acque cristalline.

Distante solo 500 metri a piedi dal centro di Vieste, la spiaggia di Pizzomunno si distingue per il dente calcareo alto 26 metri che si erge su una sabbia soffice e dorata, luogo perfetto per famiglie con bambini.

Ma se volete davvero lasciarvi incantare dal Gargano, prendete una barca e fate il giro di tutte quelle calette che si possono raggiungere solo via mare, come quella del Pontone Tunno con le sue tre spiaggette di ghiaia protette da ripide rocce bianche, o quella della Valle delle Sirene, così chiamata per la bellezza misteriosa che la contraddistingue, paragonata all’attrazione del canto delle sirene, fino a spingervi alle Isole Tremiti e in particolar modo all’Isola di San Domino, ricca di insenature e grotte così belle da essere fonte di ispirazione per tanti artisti.

Continuando il nostro tour lungo il versante adriatico della costa pugliese, una fermata la merita la rinomata spiaggia libera Pane e Pomodoro, a ridosso del centro barese; durante il giorno è il luogo ideale per famiglie e bambini, ma dopo il tramonto diventa fulcro della movida del capoluogo tra concerti, feste, mostre fotografiche ed eventi di ogni genere.

Scendendo di pochi chilometri a sud, tappa d’obbligo è Polignano a Mare, bandiera blu dal 2008 ad oggi, patria di Domenico Modugno, vanta 12 km di incantevole litorale roccioso, a tratti sabbioso, bagnato da acque cristalline dalle mille sfumature. Degne di menzione sono le insenature di Cala Paura con i suoi ciottoli bianchi e quella di Lama Monachile,nel centro del paese, che incanta per le sfumature dell’acqua in un incredibile incontro tra azzurro e verde.

Il tour della costa barese si conclude arrivando a Monopoli. Per chi è alla ricerca del divertimento su spiagge lunghe e sabbiose, la Spiaggia del Capitolo è la soluzione perfetta, con gli innumerevoli locali, discoteche e salotti in riva al mare, aperti giorno e notte.

Il litorale di Brindisi è invece caratterizzato soprattutto da spiagge di sabbia finissima e chiara, quasi dorata, come quella che colora il paesaggio di Torre Guaceto, circa 1000 ettari di riserva naturale intorno a una torre cinquecentesca. Qui, per proteggere un tratto di costa ricco di specie pregiate (non a casa questa zona rientra nell’elenco delle Aree Marine Protette), la balneazione è permessa solo in alcune spiagge e solo fino al tramonto; tra queste si può scegliere tra la spiaggia di Punta Penna Grossa, la più frequentata e comoda da raggiungere, e alcune calette più nascoste come la Spiaggia delle conchiglie.

Il viaggio continua verso Sud, toccando le acque salentine del versante adriatico. Qui la scelta è vasta. Per i più sportivi ci sono le spiagge di Torre Chianca o Torre Rinalda, distese di sabbia più aperte ai venti locali e ideali per praticare kitesurf, windsurf o vela.

Continuando a scendere, il litorale da San Foca in giù alterna spiagge di sabbia finissima con scogliere a strapiombo nel mare, come i due faraglioni che si ergono dalle acque limpide dell’insenatura di Torre Dell’Orso o l’arco di morbida roccia calcarea che apre lo sguardo verso il mare verde smeraldo di Torre Sant’Andrea, minuscolo porticciolo a pochi chilometri da Otranto.

Il tratto della costa di Otranto si presenta più sabbioso, lasciando spazio alle distese di spiagge della zona dei Laghi Alimini e, pochi chilometri più a sud, Punta Palascia rappresenta il punto più orientale d’Italia dove la notte di Capodanno è possibile assistere allo spettacolo della prima alba d’Italia e dove, secondo le convenzioni nautiche, avviene l’incontro tra il Mar Ionio e il Mar Adriatico.

Proseguendo il tour, il litorale si fa sempre più roccioso, passando per Castro dove tappa d’obbligo è la Grotta della Zinzulusa che deve la particolarità del nome agli “zinzuli”, termine dialettale per indicare gli stracci che richiamano le formazioni carsiche di cui la grotta è ricca.

Arrivando all’estremità meridionale della Puglia, non si può non soffermarsi a Santa Maria di Leuca, caratterizzata da una costa rocciosa alta. Per i più coraggiosi, a soli 5km da qui, un ponte a 40 metri di altezza, conosciuto come Il Ciolo, vi permetterà di tuffarvi in acque profonde e cristalline.

Risalendo la penisola salentina sul versante ionico, si incontrano soprattutto distese sabbiose, alternate a poca costa rocciosa, perlopiù di bassa altezza. Tra le spiagge più belle, degne di nota sono la Marina di Pescoluse, anche conosciuta oramai come le Maldive del Salento per la sabbia bianca e l’acqua limpidissima, e ancora Torre San Giovanni, Torre Mozza, fino ad arrivare al lungomare di Gallipoli con i lidi più alla moda della costa. Continuando a risalire il litorale, una sosta è d’obbligo alla baia di Porto Selvaggio, una pineta che, dopo una lunga passeggiata, apre la vista a un promontorio roccioso su una piccola insenatura ghiaiosa.

Superate le limpide acque di Porto Cesareo e Torre Lapillo, si superano i confini della provincia tarantina dove spiagge come quella di San Pietro in Bevagna e della Marina di Pulsano si circondano di vegetazione tipica della macchia mediterranea, in un’alternanza di spiaggia libera e stabilimenti balneari.

Il litorale della Puglia è vario, si colora di tante sfumature diverse, ogni posto è unico e non c’è angolo della costa pugliese che non meriti di essere scoperto!

La strada dell'acqua

La strada dell'acqua

Da Locorotondo a Ceglie Messapica si percorrono trenta kilometri in mountain bike, tra trulli e uliveti.

Polignano a Mare

Origine dei trulli

Curiosità: qual è l'origine dei famosi trulli pugliesi?

I trulli, che tanto destano interesse in migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo, desiderosi di trascorrervi una vacanza di relax o anche solo di visitarli per portare via una foto ricordo, possiedono in realtà una storia millenaria.

PUGLIA, the land between two seas

Puglia, the land between two seas

torre guaceto

Thanks to its 800 km of enchanting coast, Puglia is the most sought-after destination for those who love every facet of the sea, able to surprise with its countless scenarios, between stretches of white sand and cliffs overlooking the water.

But, imagining to take a complete tour of the whole coast, from North to South of the region, the first stop will be the Gargano. The Gargano coast goes from Rodi to Mattinata, arriving to count about 140 km of coastline between wide beaches and high limestone cliffs overlooking the sea.

Among the most beautiful bays in the area, worthy of note are the Bay of Manaccorra between Peschici and Vieste, a perfect place for lovers of sailing and windsurfing because it is very widely-known for the winds. Don’t miss out is the Baia delle Zagare, a kilometre of sandy expanse, in the stretch between Pugnochiuso and Mattinata, where two rock cliffs (the Arch of Diomedes and the Window of Dreams) rise majestically with crystalline waters.

Just 500 meters walk from the centre of Vieste, Pizzomunno beach is distinguished by its 26 meter-high limestone tooth, which stands on soft, golden sand, perfect for families with children.

But if you really want to be enchanted by the Gargano, take a boat and go around all those coves that can only be reached by sea, like that of Pontone Tunno with its three pebble beaches protected by steep white rocks, or that of the Sirens’ Valley, so called for the mysterious beauty that distinguishes it, compared to the attraction of the sirens' song, until you go to the Tremiti Islands and especially to the Island of San Domino, full of inlets and caves so beautiful as to be a source of inspiration for many artists.

Continuing our tour along the Adriatic side of the Apulian coast, You have to stop to the famous Bread and Tomato beach (Pane e Pomodoro), close to the centre of Bari. During the day, it is the ideal place for families and children, but after sunset it becomes the fulcrum of the nightlife of the capital between concerts, parties, photographic exhibitions and events of all kinds.

Going down a few kilometres to the south, a must is Polignano a Mare, blue flag from 2008 to today, home of Domenico Modugno, boasts 12 km of enchanting rocky coastline, sometimes sandy, washed by crystal clear waters of a thousand shades. Worthy of mention are the coves of Cala Paura(a cove) with its white pebbles and that of Lama Monachile, in the centre of the village, which enchants with the nuances of the water in an incredible encounter between blue and green.

The tour of the coast of Bari ends at Monopoli. For those looking for fun on long and sandy beaches, the Capitolo Beach is the perfect solution, with countless clubs, discos and lounges by the sea, open day and night.

The coast of Brindisi is characterized above all by beaches of fine and clear, almost golden sand, like the one that colours the landscape of Torre Guaceto, about 1000 hectares of natural reserve around a sixteenth-century tower. Here, to protect a stretch of coast rich in precious species (this area is not included in the list of Marine Protected Areas), bathing is allowed only in some beaches and only until sunset; among these you can choose between the beach of Punta Penna Grossa, the most popular and convenient to reach, and some more hidden coves like the Spiaggia delle Conchiglie(Beach of the Shells).

The journey continues towards the South, touching the Salento waters of the Adriatic side. Here you find a rich selection. For the more sporty there are the beaches of Torre Chianca or Torre Rinalda, stretches of sand more open to local winds and ideal for kitesurfing, windsurfing or sailing.

Continuing to descend, the coast from San Foca down alternates beaches of fine sand with cliffs overhanging the sea, like the two sea stacks that rise from the clear waters of Torre dell' Orso bay or the arc of soft limestone that opens its gaze to the emerald green sea of Torre Sant'Andrea, a small port a few kilometres from Otranto.

The Otranto coast stretch is more sandy, leaving space to the areas of beaches of the Alimini Lakes area and, a few kilometres to the south, Punta Palascia is the easternmost point of Italy where the night of New Year is possible to watch the show of the first dawn of Italy and where, according to the nautical conventions, Adriatic meets the Ionian Sea.

Continuing the tour, the coastline becomes increasingly rocky, passing through Castro where a must is the Grotta della Zinzulusa which owes its name to the "zinzuli", a dialectal term for the rags that recall the karstic formations of which the cave is rich.

Arriving at the southern end of Puglia, you cannot stop at Santa Maria di Leuca, characterized by a high rocky coast. For the bravest, just 5 km from here, a bridge 40 meters high, known as Il Ciolo, will allow you to dive into deep and crystal clear waters.

Going back up the Salento peninsula on the Ionian side, we find mainly sandy stretches, alternating with little rocky coast, mostly of low height. Among the most beautiful beaches, the most popular are the Marina di Pescoluse, also known now as the Maldives of Salento for its white sand and crystal clear water, and also Torre San Giovanni, Torre Mozza, up to the seafront of Gallipoli with the most fashionable beaches of the coast. Continuing to go up the coast, a stop is a must to the bay of Porto Selvaggio, a pine forest that, after a long walk, opens the view to a rocky promontory on a small gravelly inlet.

Passing the clear waters of Porto Cesareoand Torre Lapillo, you will pass the borders of the Taranto province where beaches like that of San Pietro in Bevagna and the Marina of Pulsano surround themselves with vegetation typical of the Mediterranean, alternating with free beaches and establishments bathing.

The coast of Puglia takes all kinds, it is coloured, with its many different shades, each place is unique and every corner of the coast deserves to be discovered!

Polignano a Mare

The origin of the trulli

Curiosity: Where do the famous trulli originate?

The trulli attract thousands of tourists from around the world, eager to spend a relaxing vacation or just to visit them to take away a souvenir photo. Actually, they have a long history.

La strada dell'acqua

The way of water

From Locorotondo to Ceglie, there are so many kilometres to do with a mountain bike, among trulli and olive groves.